avventurina pietra preziosa

L’avventurina Pietra appartiene alla famiglia dei quarzi ed è una varietà di calcedonio. Si estrae in Russia, Brasile, India e Pakistan, famosa e molto diffusa in tutto il mondo. Ne esistono giacimenti anche in Italia.

Di consistenza granulosa allo stato grezzo, una volta lucidata, la pietra avventurina si distingue per il suo colore brillante, dovuto alle inclusioni metalliche di Fuchsiste (cromo-mica) che la compongono. Queste inclusioni formano all’interno della pietra un reticolato di lamelle che brillando alla luce, donando alla pietra avventurina una iridescenza unica e ammaliatrice tanto da portare il nome di “avventurescenza”.

La quantità dei metalli presente ne caratterizza i colori e le sfumature che vanno dal verde argento ad un azzurro scintillante. Per queste sue caratteristiche e per la lucentezza vitrea, l’avventurina verde viene definita lo “smeraldo dei poveri”. La pietra ha attraversato il tempo come tutte le pietre minerali ma il suo fascino non è mai passato inosservato.

Oggetti dal notevole valore artistico ottenuti con la pietra avventurina verde sono molto apprezzati. La stessa corte dei Romanov ne rimase affascinata, infatti, un vaso di Avventurina verde smeraldo fu donato dallo Zar NICOLA I al celebre geologo inglese Sir R.S. Murchison e oggi, quel vaso, è custodito al British Museum di Londra.

E’ tutt’ora apprezzatissima in Cina, infatti, si ricavano i sigilli imperiali. La sua brillantezza richiama mistero e opulenza tanto che le antiche statue tibetane hanno gli occhi realizzati con avventurina verde. Si credeva che il luccichio della pietra infondesse poteri superiori e permettesse alle statue di vegliare sull’umanità.

Pietra Avventurina significato

Scopriamo che il nome della Pietra avventurina ha origini Italiane. Richiama proprio l’avventura della sua scoperta, verso la prima metà del ‘600, a Murano, un artigiano facente parte di una storica famiglia di vetrai (Miotti) dette vita alla variante artificiale della pietra avventurina famosa come “il vetro pietra dorata”. Si parla di un tipico vetro Italiano di colore verde-bruno, nato per un caso fortuito, che per colori, lucentezza e consistenza richiama l’iridescenza della pietra avventurina.

Utilizzata da secoli per creare gioielli, vasi e oggetti ornamentali, è storicamente vista come la pietra della fortuna famosa, soprattutto, si dice, per attirare il bacio della dea bendata.

Gli amuleti di pietra avventurina verde venivano e vengono usati per riti propiziatori per portare abbondanza e denaro, in cromoterapia.

La pietra avventurina verde ha effetti benefici sull’umore perché richiama il colore della natura trasmettendo tranquillità, armonia e fertilità.

Antiche leggende e credenze popolari arrivate fino a noi attribuiscono alla pietra avventurina il potere di curare la miopia. Si credeva, infatti, che avesse il potere di donare la vista.

Appartenente al gruppo dei quarzi con sistema cristallino triangolare, gli elementi collegati a questa pietra naturale sono l’aria e l’acqua.

L’elemento acqua racchiude una forte espressività ed emozione femminile quindi amore, guarigione, compassione, riconciliazione e intuizione. L’elemento aria racchiude, invece, comunicazione ed intelletto quindi espressività, creatività, saggezza, viaggi.

Pietra Avventurina Cristalloterapia

La storia della pietra avventurina, come tutti i cristalli e le gemme, risale a secoli fa. Il loro utilizzo accomuna molte delle civiltà antiche. Tra le più misteriose e affascinanti abbiamo gli Egizi, i Maya, i Tibetani, i Sumeri e gli Assiri. Questi erano riusciti a trarre dai minerali non solo benessere mentale e fisico ma, essendo i cristalli, si aveva proprio l’incontro concreto dei quattro elementi fondamentali della creazione: aria, acqua, terra, fuoco. Riuscivano ad utilizzarli soprattutto per catalizzare le energie positive dell’universo.

L’essere umano ha uno stretto quanto soggettivo legame con questi quattro elementi e proprio da questo nasce la Cristalloterapia.

Usando l’energia del cristallo avventurina verde possiamo trarre benefici a livello fisico e mentale. La connessione del nostro corpo con la pietra è requisito fondamentale affinché le proprietà della pietra avventurina possano apportare cambiamenti ed effetti positivi nella nostra vita.

Scopriamo gli effetti benefici dell’avventurina verde come antidolorifico e antinfiammatorio. Per questa sua ultima proprietà, in particolare unita ad azione purificatrice in età adolescenziale, può essere usata per combattere stati infiammatori della pelle come acne, rosacea, dermatiti ed eczemi. E’ consigliata nelle malattie oftalmiche e aiuta ad eliminare le infiammazioni oculari. Inoltre, l’avventurina verde stimola il metabolismo dei grassi favorendo la diminuzione del colesterolo.

L’avventurina verde permette di regolarizzare il IV Chakra, il “Chakra del cuore o Anahata”, che si trova al centro del petto e controlla tutto il sistema cardiocircolatorio compresa la respirazione. Le conseguenze del suo cattivo funzionamento sono l’incapacità di amare, malattie respiratorie e cardiache, l’egoismo, il distacco dal mondo esteriore e l’isolamento.

Gli effetti benefici dell’avventurina verde sulla psiche sono molteplici, essa dona tranquillità, gioia di vivere, ottimismo, pazienza. facilita la guarigione emotiva facendo rifiorire l’espressività dell’amore. Combatte l’insonnia stimola creatività, entusiasmo e tolleranza verso il prossimo.

Avventurina proprietà magiche

Sveliamo dell’avventurina pietra verde le proprietà magiche. La sua energia è proiettiva, il pianeta che la contraddistingue è Mercurio, la dea a cui viene collegata è Venere, mentre il segno zodiacale è il cancro.

L’avventurina verde grezza si dice sia energicamente la più potente sin dai tempi antichi è stata utilizzate nelle pratiche magiche e in riti propiziatori che richiamassero fortuna e ricchezza la sua energia è potenziata dalla luce lunare e dalla luce blu.

Gli indiani d’America la utilizzavano per i loro rituali e per entrare in contatto con il lo spirito guida si diceva che aumentasse la fertilità è le probabilità per le donne di rimanere incinta.

Essendo l’avventurina Verde una pietra legata fortemente agli stati mentali, si è, nel tempo, alimentata la credenza che essa potesse infondere poteri di chiaroveggenza.

E’ importantissimo sapere che la pietra avventurina deve essere pulita dopo ogni utilizzo sia rituale che meditativo con l’acqua corrente. Inoltre, deve essere lasciata ricaricare al sole, meglio se accanto ad una pianta molto verde perché si amplifica la rigenerazione e il ringiovanimento sia della pietra che della pianta stessa.

Può essere combinata con altre pietre per aumentarne gli effetti: agata muschiata e quarzo rosa per attirare l’amore; malachite per superare i cambiamenti;  cristallo di rocca per stimolare la circolazione sanguigna.

Avventurina Pietra preziosa

La pietra avventurina, essendo una varietà di quarzo, si trova in diverse tonalità di colore: il marrone, color pesca, giallo, rosso e blu. Altre varianti sono molto rare e, quindi, ne rendono difficoltoso l’utilizzo frequente come gemme da gioiello.

Le varianti che contengono inclusioni di metalli, come l’ematite, sono di colore marrone-rosso o marrone oro. Quelle che contengono invece, goethite, sono di colore bruno-verdastre.

La variante più diffusa e la più preziosa usata per la gioielleria è la variante avventurina verde con riflessi verde-argento tendenti ad un azzurro scintillante. Perfettamente abbinata ad anelli, bracciali, ciondoli e pendenti, ma anche la creazione di diverse forme che vengono intagliate per ornare e decorare.

Perché avere sempre con sé un Avventurina gioiello? La pietra sprigiona tutto il suo potere spirituale a contatto con la pelle. Infatti, portare un gioiello di pietra avventurina verde aiuta l’autostima e rende positivi e lungimiranti.

Ammaliatrice e brillante, la luce che emana è un monito positivo per la mente. Questo perché promuove l’incontro con la propria dimensione e induce a fare scelte in sintonia con la propria natura risuonando con i ritmi cosmici dell’universo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento